Parco
Sorgenti del Torrente Lura
Condividi
Home » Natura e Territorio

Fauna

All'interno del Parco si osserva la commistione di specie proprie degli habitat forestali e di specie con attitudini sinantropiche, cioè legate agli ambienti modificati e gestiti dall'uomo.

L'esistenza di aree prative e di colture, infatti, interrompe la continuità degli ecosistemi forestali, ma incrementa la biodiversità generale del Parco, diversificando gli habitat a disposizione della fauna.

E' inoltre molto importante la presenza di zone umide che, se anche di piccole dimensioni, consentono la sosta e la riproduzione di specie strettamente legate a questi ambienti, costituendo un ambiente di primaria importanza per la conservazione della biodiversità.

Nel Parco gli uccelli presentano il maggior numero di specie. Fra le presenze certe, quella di rapaci diurni come Falco pecchiaiolo (Pernis apivorus) e Nibbio bruno (Milvus migrans), e notturni come Allocco (Strix aluco) e Assiolo (Otus scops), oltre alla Civetta (Athene noctua). Strettamente legata agli ecosistemi forestali e all'esistenza di boschi maturi, è la presenza del Picchio nero (Dryocopus martius) e del Picchio muratore (Sitta europea), a cui si affianca la presenza di Picchio Verde (Picus viridis), Picchio Rosso maggiore (Dendrocopos major) e minore (Dendrocopos minor). Torrenti e zone umide costituiscono l'habitat per le specie acquatiche come Martin pescatore (Alcedo atthis), Ballerina gialla (Motacilla cinerea) e Ballerina bianca (Motacilla alba), Usignolo di fiume (Cettia cetti), Nitticora (Nycticorax nycticorax) e Airone bianco maggiore (Egretta alba).
Fra le specie di maggiore interesse tra quelle rilevate per gli invertebrati spicca il Gambero di fiume (Austropotamobius pallipes), che trova il suo habitat ideale nell'alveo dei torrenti del Parco, oltre a numerose famiglie di Odonati (libellule), importanti indicatori di qualità ambientale. Nel torrente Lura vivono diverse specie di pesci, fra cui le più interessanti dal punto di vista conservazionistico sono Vairone (Telestes munticellus), Ghiozzo padano (Padogobius bonelli) e Trota di torrente padana (Salmo cenerinus).
Nelle aree umide del Parco, naturali e artificiali, si rilevano tutte le specie di anfibi potenzialmente presenti, a testimonianza di un buono stato ecologico degli habitat. Tra gli anuri (rane, rospi e raganelle): Rana di Lataste (Rana latastei), specie endemica della Pianura Padana, Rana agile (Rana dalmatina), Rana verde (Pelophylax kl. esculentus), Rospo comune Bufo bufo e raganella italiana (Hyla intermedia). Tra i caudati o urodeli (tritoni e salamandre): Salamandra pezzata (Salamandra salamandra), Tritone crestato (Triturus carnifex) e tritone punteggiato (Lissotriton vulgaris).

Nei boschi e nelle aree marginali dei terreni agricoli vivono diversi rettili come Orbettino (Anguis fragilis), Biacco (Coluber viridiflavus), Natrice dal collare (Natrix natrix) e Coronella austriaca (Coronella austriaca).
Abbondano anche i mammiferi, come Scoiattolo rosso (Sciurus vulgaris), Volpe (Vulpes vulpes), Tasso (Meles meles) e Faina (Martes foina); tra le specie di maggiore interesse, è certa la presenza del Pipistrello nano (Pipistrellus pipistrellus). Infine sono accertati gli avvistamenti di ungulati (cervi e cinghiali).

Tortora
Tortora
(foto di: Paolo Vimercati)
Airone cenerino
Airone cenerino
(foto di: Luciano Premazzi)
Scoiattolo rosso
Scoiattolo rosso
(foto di: Paolo Vimercati)
© 2022 Parco Sorgenti del Torrente Lura
Comune di Lurate Caccivio
Via XX Settembre 16 - 22075 Lurate Caccivio (CO)
Tel 031/494311
Fax 031/390761 - Email: info@parcosorgentilura.it - Posta certificata: protocollo@pec.comune.luratecaccivio.co.it
Privacy - Note legali